Ciaspolata ai piani dell’Avaro

Premessa: quando avevo circa 10 anni, ho trascorso un paio di vacanze estive a Cusio, un paesino in val Brembana, che a quei tempi aveva come unica attrattiva la “scalata” al monte Avaro, la cui cima era un arido e solitario pianoro erboso dove pascolavano la mucche…Immaginate quindi la mia sorpresa quando sulla copertina della rivista Orobie leggo “I piani dell’Avaro, un paradiso per le ciaspole “: all’interno un servizio su questo posto, con bellissime foto. “Letto”- fatto: al sabato ci accordiamo con i nostri amici Sara, Cristiano e la loro figlia Gaia e domenica mattina partiamo. Dopo poco più di un’ora siamo a Cusio. Ci fermiamo per un caffè ed entriamo nel mitico bar-ristorante-pensione “Da Pierino”: proprio dove trascorrevo le vacanze circa 35 anni fa!!! E’ rimasto tutto uguale: il bancone, il tavolo da biliardo, dove ho giocato a boccette per le prime volte, la bella ragazzina che ai tempi era la figlia della padrona, ora è diventata la titolare…Ma lasciamo da parte i ricordi e riprendiamo l’auto: in 10 min. siamo ai piani dell’Avaro. L’ambiente è proprio molto bello. Ci sono moltissime persone con ciaspole, slittini e qualche sci. Calziamo le ciaspole e partiamo. La giornata è bellissima e il panorama non è dam meno: siamo circondati a 360 gradi da belle cime innevate. La compagnia è molto piacevole. Chiacchierando e ciaspolando il tempo vola e così senza quasi accogersi è arrivata l’ora di andare a mangiare. Avevo prenotato al Ristorobie e non potevo scegliere meglio: affettati, pizzoccheri, polenta con cervo e formaggi, mix di dolci…tutto ottimo, compreso il prezzo! E’ stata proprio una bella giornata: il posto, il clima, il cibo, la compagnia, tutto molto ok!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Solve : *
25 − 19 =