Austria estate 2016

Per l’estate del 2015 avevamo programmato un giro in Austria, ma le pessime previsioni meteo ci avevano fatto deviare verso la soleggiata Val d’Aosta. Quest’anno ci riproviamo: il 1 agosto partiamo per la nostra vacanza itinerante austriaca. Questo il programma, totalmente studiato da Elisa, che ha anche prenotato quasi tutti gli alberghi/appartamenti: le sue scelte si rileveranno tutte ottime. (Cliccate sulle immagine per ingrandirle e non dimenticate di lasciare un commento…)

Partiamo lunedì 1 agosto, e dopo circa 4 ore arriviamo alla prima meta: i castelli di Neuschwanstein e di Hohenschwangau. Il primo è il più famoso, essendo quello che  Walt Disney ha preso come modello per ambientare “La bella addormentata nel bosco”. In effetti è molto “fiabesco”, ma anche l’altro ci è piaciuto molto.Nel tardo pomeriggio ripartiamo e, dopo una sosta alle cascate di Lechfall, arriviamo al nostro appartamento a Berwang: ampio, accogliente e con vista sulle montagne! Alla sera abbiamo il primo approccio con la cucina austriaca, che si rileverà poi essere abbastanza buona, anche se molto limitata nella scelta: qualche tipo di zuppa, carne impanata e gulash, dolci molto belli da vedere ma abbastanza “scialbi” al palato…

La mattina successiva il programma prevede l’Highline 179, il ponte pedonale sospeso più lungo del mondo (ca. 400 mt, a 115 mt. d’altezza). Arriviamo presto e siamo quasi i primi a salire. Facciamo i biglietti (8 euro cad.) e dopo una passeggiata di 20 min. arriviamo al ponte: in effetti fa un po’ di “impressione”, ma una volta saliti la sensazione è molto bella. Consigliato!

Riprendiamo l’auto e arriviamo a Seefeld, dove sosteremo per 3 giorni. Facciamo un giro per il paese: numerosi alberghi adornati da balconi con fiori stupendi, un bel centro con molti negozi, il tutto incorniciato da stupende montagne sullo sfondo. La mattina seguente noleggiamo le mountain bike e facciamo un’escursione di 10 km fino a Scharnitz, dove c’è l’ingresso del Parco del Karwendel, il più grande parco naturale dell’Austria: la zona che abbiamo visitato noi, purtroppo, non è risultata essere molto panoramica o suggestiva, comunque abbiamo trovato un bel posticino sulle rive del torrente dove abbiamo mangiato e preso il sole, quindi siamo tornati a Seefeld caricando le bici sul treno. Verso sera ci siamo riposati delle fatiche alle terme della Olympiabad: qualche nuotata, discese dallo scivolo, relax sulle sdraio con il panorama della città…

Il 4 agosto prendiamo il treno a cremagliera della Rosshutte e poi la funivia, per arrivare al Seefelder Joch e da qui facciamo una bella passeggiata fino alla cima del Seefelder Spitze, a 2200 mt.: panorama spettacolare a 360°, proprio un bel posto!

Scendiamo, ci rifocilliamo con wurstel, cotoletta e patatine fritte e nel pomeriggio andiamo alla gola “Leutaschklamm”: prima si visita una gola molto stretta al termine della quale c’è una grandiosa cascata, poi c’è un sentiero, un po’ in un bel bosco e quindi su una lunga passerella sospesa. Tutto molto ok!

Il giorno seguente lasciamo la bella Seefeld e arriviamo a Innsbruck, dove abbiamo prenotato all’ostello Garni Technischerhaus, abbastanza vicino al centro, buona colazione, ma un po’ “chiassoso”…Ci fiondiamo subito in centro e siccome piove visitiamo l’Hofburg (palazzo reale) e l’annessa chiesa di corte (Hofkirche) e la Cattedrale di St. Jakob.

Nel pomeriggio prendiamo la navetta verso Wattens, per visitare “il mondo dei cristalli” di Swarowski: vediamo oggetti bizzarri e sale coloratissime e scintillanti, surreali. Ci siamo divertiti.

Sab 6. Facciamo  il giro della città con il bus turistico e, tra le varie fermate, quella più “prolungata” è al Bergisel, il trampolino olimpionico di salto con gli sci, dove un paio di atleti hanno effettuato alcuni salti: un emozionante fuori-programma! Nel pomeriggio passeggiamo nei giardini del Palazzo Reale (Hofgarten) ed assistiamo ad una partita di scacchi: qui usano delle pedine giganti!

Dom 7: prendiamo di buon’ora la funivia della Nordkette, per salire alla stazione intermedia (1800 mt), da dove si ha un’ottima vista della città, anche se un po’ coperta dalle nuvole. Facciamo una passeggiata su un percorso ad anello e quindi torniamo in città, per l’ultima visita. Bilancio positivo per Innsbruck: parte vecchia molto caratteristica, molte cose da vedere (consigliamo caldamente la Innsbruck card).

Partiamo in direzione Salisburgo, con tappa al lago di Chiem: vasto e con molta gente, pieno di barche a vela, a remi e a motore, pedalò: ricorda un po’ il nostro Garda. Dopo aver pranzato ci rimettiamo in macchina e quindi arriviamo a Salisburgo. Hotel A&O Salzburg hauptbahnof: nuovissimo, moderno, pulito, vicino alla stazione. Consigliatissimo! Passeggiata serale in centro e cena “da Pippo”.

Lun 8. In pullman andiamo al castello di Hellbrun: giochi d’acqua, grotte, giardini e un sontuoso palazzo. Bello! Torniamo a Salisburgo. Visitiamo i giardini Mirabell e saliamo con la funicolare alla Fortezza, da cui si gode il panorama della città. Ridiscendiamo e ammiriamo la Residenplatz, con la bella fontana. Alle 20 partenza per la “mini crociera” sul fiume Salzach: suggestiva, con i colori del tramonto.

Mar 9. Oggi purtroppo piove! Visitiamo la casa natale di Mozart: molto interessante. Quindi, museo Salzburg (niente di che…) , Duomo (bello e maestoso) con annessi musei e la Residenz (appartamenti sontuosi). Dopo la pausa pranzo andiamo col bus a visitare la Stiegl Brauwelt (fabbrica di birra). Visita molto ben organizzata ed interessante, alla fine della quale è previsto un piccolo assaggio : 3 medie a testa! Susi ne ha bevuta 1, quindi io mi sono scolato il resto: per fortuna siamo venuti con il bus…!

Mer 10. Dopo aver visitato la casa in cui ha vissuto Mozart (meno interessante della casa natale), lasciamo Salisburgo: ci è sembrata più “aritocratica” di Innsbruck, ma forse un po’ meno affascinante. Destinazione la miniera di sale di Hallein, che riusciamo a visitare nel pomeriggio: visita divertente grazie al trenino utilizzato per scendere nelle grotte e agli scivoli, atmosfera molto particolare. Alla sera arriviamo a Badgastein. Il tempo è bruttino e lo sarà anche nei prossimi 2 giorni, purtroppo.

Gio 11. Passeggiata in paese, partita a scacchi “giganti” nel parco. Nel pomeriggio tramite un sentiero entriamo nel parco degli Alti tauri ed arriviamo ad un bel rifugio per la merenda.

Ven 12. Il tempo non migliora! Passeggiata alla mattina e nel pomeriggio altra partita a scacchi. Vabbè, ci guardiamo un po’ di Olimpiadi in TV…

Sab 13. Lasciamo Badgastein con il rimpianto di non averla potuta apprezzare causa brutto tempo e ci indirizziamo verso il Grossglockner, considerata una delle strade più panoramiche del mondo..! La giornata è bellissima ed in effetti la fama di questa strada è ampiamente meritata: una cinquantina di km in mezzo a delle bellissime montagne, con degli scorci mozzafiato! Concludiamo in bellezza la nostra vacanza in Austria…

Per rientrare in Italia passiamo da Innechen (Dobbiaco) e rimaniamo subito incantati dalla bellezza delle Dolomiti: guarda là, vai ancora un po’ avanti, e ci troviamo al cospetto delle Tre Cime di Lavaredo! Poi, lago di Misurina e di Antorno…In teoria, dovremmo tornare a casa oggi, ma davanti a questo “spettacolo” decidiamo di cercare un posto per dormire e rimandare di un giorno il rientro. Dopo numerosi tentativi, riusciamo “miracolosamente” a trovare una doppia (Elisa dormirà per terra…!).

Dom 14. Dopo un’ottima colazione andiamo al lago di Anterselva, nella Valle Aurina, quindi ci indirizziamo verso il lago di Braies, ma la troppa gente in coda già prima del parcheggio ci fa desistere. Quindi, prendiamo la strada panoramica delle Dolomiti, verso Cortina. Pranziamo in un rifugio proprio nei pressi di Cortina, con un panorama a dir poco inaguagliabile. Poi, passiamo sotto la tofana di Rozes, fino al passo del Falzarego; e Corvara, il passo di Campolongo, il gruppo del Sella…Appena dopo Calfosco, con una bella passeggiata raggiungiamo il rifugio Jimmy per la merenda. Foto in numero esagerato ed entusiasmo alle stelle! Questi 2 giorni “fuori programma” in mezzo alle Dolomiti hanno chiuso in bellezza la vacanza di quest’anno! 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Solve : *
26 − 4 =